Insetti pericolosi per l’orto, i defogliatori

di Valentina

Il mese di maggio è uno dei più interessanti per ciò che concerne l’orto. Ma è anche uno di quelli che mostra in tutta la sua forza quanto gli insetti possano essere pericolosi per le nostre piante. Oggi vogliamo parlare dei defogliatori.

Non vogliamo allarmarmi, ma alla famiglia dei defogliatori appartengono in generale tutti gli stati larvali e pre-adulti dei coleotteri e delle farfalle. Riconoscerli, nonostante la loro varietà è abbastanza facile: nella quasi totalità dei casi ci troviamo ad osservare dei piccoli “vermi” di colore differente. Possono essere verdi, marroni, gialli e rossicci o presentare una varietà degli stessi. Ed ancora essere grandi e piccoli.

Uno dei più diffusi è senza dubbio la cavolaia che parassitizza dalla primavera all’autunno tutte le specie di cavolo, senza lasciare intatte nemmeno le nervature. Differente il comportamento delle nottue, che con il loro verde brillante agiscono di solito di sera e di notte. Esse lasciano intatte le nervature delle verdure a foglia ma mangiano tutto il resto, attaccando anche colletto, radici e fusti. . Volete imparare a riconoscere gli stati giovanili dei coleotteri? La maggior parte di loro ha un corpo voluminoso, vive nel terreno e ha una forma caratteristica a C: in particolare fate attenzione all’oziorrinco, in grado di mangiare l’intera pianta a seconda delle specie. Ed attenzione, si tratta di un insetto che attacca qualsiasi pianta da orto.

Se avete piantato anche delle patate e delle solanacee, cercate di combattere il più possibile la dorifora: non potete sbagliare, è di colore rossiccio.

Photo Credits | MattiaATH / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.