Jerusalem Botanical Gardens: il più bel segreto di Israele

di Valentina

Spread the love

C’è chi lo definisce il segreto più bello e mantenuto di Israele. I Jerusalem Botanical Gardens sono forse l’orto botanico più organizzato dell’intero territorio. Un luogo di studio, di esposizione, ma soprattutto un giardino dove la natura da mostra del meglio di se, attraverso la fioritura di circa 10mila specie differenti di piante provenienti da tutto il mondo.

Il parco in questione si trova nei pressi di Nayot, vicino al campus dell’università della città.  Organizzato in sezioni  fitogeografiche, raccoglie sotto di sé, fin dalla sua apertura nel 1985,una testimonianza forte e completa della flora mondiale. Le sezioni si sono andate man mano delineando negli anni. Un esempio? Quella relativa alle piante tropicali è nata nel 1986, mentre quella sudafricana nel 1989.

Fu nel 1990 che  il giardino venne trasformato  per essere più ospitale nei confronti dei suoi visitatori. Furono infatti costruiti il Centro Dvorsky ed il ristorante, per dare modo alle persone di vivere appieno l’esperienza della visita, con tutti comfort necessari.  Sono sei in tutto le sezioni dei Jerusalem Botanical Garden, organizzate in modo tale da ricreare dei veri e  propri piccoli ecosistemi. All’interno della sezione tropicale per esempio, è stata ricostruita una vera e propria foresta pluviale con tanto di piante carnivore e piante da frutto.

Non manca una sezione dedicata alle piante presenti nella Bibbia dove è possibile imbattersi in molti esempi della flora nominata all’interno del libro sacro. Sebbene siano solo 70 sulle 400 nominate, il lavoro fatto da scienziati e floristi ha dell’incredibile.

Il parco israeliano è rinomato a livello globale anche per la sua sezione giapponese. Il suo giardino infatti conta la più grande collezione di bonsai concentrata in un unico luogo: ben 150 esemplari, posti all’interno della loro sezione in linea con la necessità di rispetto dell’equilibrio ed armonia tipica dei giardini zen.

Un luogo da visitare. Ed assaporare in ogni suo colore e profumo.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.