Radicchio tardivo, raccolta a settembre

di Valentina

Settembre per l’orto è quasi un mese considerabile statico. Tranne che per un fattore davvero gustoso: se si è coltivato del radicchio tardivo, è senza dubbio il momento nel quale lo si può iniziare a raccogliere. Vi ricordiamo che è una delle due varietà nelle quali il radicchio che coltiviamo è presente in natura.

Il radicchio tardivo non ha nulla da invidiare alla variante che raccogliamo nel corso della bella stagione. Talvolta il suo gusto è anche più forte di quello della precedente tipologia. Ovviamente necessita delle cure specifiche richieste dalla stagione nella quale viene coltivato: ottima irrigazione, giusta dose di nutrienti e dello spazio buono per crescere. Anche esso deve passare attraverso un processo di imbianchimento per apparire come il radicchio che compriamo nei supermercati, ma possiamo assicurarvi per esperienza personale che non vi è niente di meglio di una buona pianta di questa insalata coltivata al sole ed all’aperto in piena terra.

Passando a parlare della raccolta, ovviamente nella maggior parte dei casi i grandi coltivatori utilizzando dei macchinari per velocizzare le operazioni. Nel caso di semplici orti autoctoni vi consigliamo di provvedere con una raccolta a mano. Se non avete intenzione di fare imbianchire il vostro radicchio potete provvedere a tagliare il cespo lasciando la parte bassa interrata in modo che possa produrre altre foglie, altrimenti con delicatezza provvedete ad estrarre l’intera pianta dal terreno, spolverandola dal terriccio che può essere rimasto addosso.

Essa poi dovrà essere opportunamente gestita per far sì che l’imbianchimento avvenga secondo canoni di precisione ben precisi, senza che la pianta ne esca rovinata. Il radicchio è un ortaggio che dà molte soddisfazioni, in qualsiasi fase della sua coltivazione, ivi compresi il raccolto ed il consumo. Non fatevi problemi a inserirlo all’interno delle vostre pianificazioni nell’orto. Ricordatevi sempre che grazie alle sue due varietà potete godere della sua presenza in ogni periodo dell’anno.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.