Stella di natale: principali parassiti e malattie dell’euphorbia pulcherrima

di Valentina

La Stella di Natale è una pianta davvero molto bella e caratteristica, ma come tutti i vegetali presenti sul pianeta può soffrire dell’attacco di parassiti e di malattie. Oggi daremo uno sguardo ravvicinato ai suoi problemi, spiegando come riconoscere i diversi tipi di infezione ed ove possibile presentandovi delle soluzioni di facile attuazione per riportare la pianta ai suoi naturali fasti che tanto bene si sposano con le feste natalizie.

Partiamo prima di tutto da un presupposto: se trovate delle macchie gialle sulle foglie, si tratta della manifestazione della sofferenza  della vostra Stella di Natale della pianta a causa di correnti d’aria troppo fredda per lei o per la mancanza di adeguato ricambio. Per ovviare al problema basterà cambiare la posizione dell’Euphorbia pulcherrima all’interno della casa privilegiando un luogo non freddo ma con un giusto ricambio d’aria.

Se dei piccoli animaletti, conosciuti sotto il nome di pidocchi o afidi (sono biancastri alla vista) dovessero aver infestato le parti verdi della vostra pianta, non vi rimane altro che trattarla con un antiparassitario specifico, di facile reperimento in ogni negozio di piante.

Se al contrario riscontrate delle macchie brune sulla parte inferiore delle foglie, si tratta quasi sicuramente di una infezione da Cocciniglia bruna, uno dei suoi principali parassiti. Per averne conferma basta prendere una lente di ingrandimento ed osservare la parte colpita: riuscirete immediatamente a vedere i piccoli parassiti. E potrete notare che provando a scalzare con un unghia, questi “animaletti” si staccheranno con molta facilità.

Per quanto poco ortodosso possa sembrarvi, le cocciniglie possono essere eliminate o con un batuffolo di cotone imbevuto di alcol o con una “lavata” con acqua e sapone neutro. In questo caso l’attenzione deve constare tutta in un adeguato risciacquo del sapone dalla pianta. Se la pianta si trova all’aperto nel vostro giardino potete agire con un antiparassitario specifico consigliato da un vivaista.

Osservate bene le brattee: se compaiono delle macchie grigie e si sbriciola, la pianta è sotto attacco Botritis sp., un fungo davvero pericoloso per la sua sopravvivenza che necessita di un fungicida specifico. Se alcune zone appaiono decolorate, probabilmente si è davanti ad una eccessiva innaffiatura che ha portato al marcimento delle radici, le quali debbono essere eliminate con cura, “curando” le rimanenti con un fungicida ed aspettando almeno una settimana prima della successiva innaffiatura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.