Irrigazione, la manutenzione degli strumenti

di Valentina

Volete evitare di rimanere senza strumenti per l‘irrigazione? Di qualsiasi tipologia essi siano è bene che impariate ad eseguire la giusta manutenzione ed a prendervi cura di loro. Solo in questo modo potrete averli sempre funzionanti con voi. Vediamo insieme cosa possiamo fare in tal senso.

Tubi di gomma

La maggior parte di noi per annaffiare le piante ed irrigare il proprio orto usa dei tubi di gomma,quelli classici che possono essere acquistati un po’ dovunque presso vivaisti ed altri negozi specializzati in oggettistica per la casa ed il giardino. Il tubo di questa tipologia quasi sempre viene riavvolto dopo l’utilizzo attorno ad una struttura specifica. Nel caso facciate manualmente invece di utilizzare l’avvolgi-tubo ricordatevi sempre di non fare giri troppo stretti od evitare delle pieghe particolari. Soprattutto nella stagione estiva un errato arrotolamento a causa del calore può significare una spaccatura di questo strumento . Per tale motivo è necessario tenere il tubo al coperto e riparato dai raggi del sole.

Impianto di irrigazione

Deve essere sottoposto ad una manutenzione importante almeno una volta l’anno. Gli ugelli devono essere estratti dagli irrigatori e puliti dal calcare, dalle alghe, da qualsiasi impurità si sia venuta a creare. Basta anche qualche ora in aceto per eliminare le incrostazioni. Verificate anche le guarnizioni e sostituitele se necessario. Stessa cosa con i tubi in pvc: provvedete alla sostituzione se danneggiati o se il danno è lieve provate a ripararlo con i mastici appositamente messi in commercio. Fate attenzione: in vendita vi sono anche dei tubi autopulenti. Per comodità dovreste puntare su quelli.

Nebulizzatori e annaffiatoi

I nebulizzatori sono usati per le piccole irrigazioni del dopo la semina o in occasioni particolari. Se volete ottenere dei risultati decenti dovete sempre scaricare la pressione alla fine dell’utilizzo. Non vi è bisogno di cambiare continuamente l’acqua al suo interno,anche se dovete evitare di lasciarla stagnare, sia per le vostre piante che per il vostro strumento. Assicuratevi di non lasciare l’annaffiatoio al sole e di verificare che calcare o terra non ostruiscano i fori della rosetta.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.