La concimazione delle bulbose

di Redazione

Spread the love

Per avere delle magnifiche bulbose sia in giardino che in casa occorre provvedere alla corretta concimazione, rispettandone le esigenze in ogni periodo dell’anno. Come tutte le piante anche le bulbose hanno bisogno di diversi elementi nutritivi per crescere al meglio della loro bellezza, sebbene ci siano delle distinzioni da fare in base al tipo di pianta ed all’epoca di fioritura.

Molte bulbose, ad esempio, vengono coltivate come annuali, acquistando il bulbo o la piantina in vivaio. In questo casa la pianta è già sufficientemente concimata e non è necessario aggiungere elementi nutritivi al terriccio di coltivazione. Sarà invece opportuno provvedere alla concimazione a metà della fioritura, aggiungendo una piccola dose di un fertilizzante ricco di fosforo e potassio. L’operazione si potrà poi ripetere ad intervalli di tempo regolari, ma sempre utilizzando piccole quantità di concime.

Diverso è il discorso per le bulbose coltivate come perenni. In questo caso sarà opportuno aggiungere del fertilizzante ricco di fosforo, potassio e azoto al terriccio di coltivazione, in modo da garantire alla pianta il giusto equilibrio in fase di crescita. Nel corso della stagione autunnale, poi, si interverrà con un concime complesso mescolato al terreno o con dello stallatico maturo. Nel corso della stagione invernale sarà meglio sospendere le operazioni di concimazione, mentre si tornerà ad intervenire in primavera con una piccola dose di concime a base di azoto.

I bulbi a fioritura primaverile, come il Narciso o il Tulipano, vanno concimati nel mese di febbraio, poiché proprio in questo periodo cominciano a mostrare i primi segnali di risveglio. Attenzione però alle temperature, poiché in caso di gelate si potrebbe compromettere lo sviluppo della pianta.

COME CONCIMARE LE BULBOSE. Esistono diversi tipi di concime e dunque diverse metodologie di somministrazione. I fertilizzanti liquidi vanno mescolati all’acqua delle irrigazioni, mentre quelli granulari possono essere mescolati nel terreno o sparsi intorno alla pianta.

Photo Credits | Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.