Raggruppare le piante, ecco come farlo al meglio

di Roberta

Raggruppare armonicamente le piante è il metodo più ad effetto per disporle in casa. Le piante stanno bene riunite fra loro in gruppo: si crea in tal modo un mini-ambiente naturale; per di più annaffiarle diventa anche più facile! Di contro alcune piante meritano una particolare sistemazione per mostrare tutta la loro bellezza ed il loro aspetto lussureggiante, infatti molte specie, come le Palme Howea e le piante di Fatsia Japonica, sono sufficientemente imponenti per stare da sole.

Se decidete di allestire un gruppo di piante, le soluzioni estetiche sono infinite: la sola cosa di cui preoccuparsi è che tutte  abbiano le stesse esigenze o avversioni. Per esempio, non mettere un Filodendro amante dell’umidità proprio vicino ad un Cactus che ha bisogno di poca acqua.

In gruppo le piante possono essere separate, una accanto all’altra, oppure nello stesso contenitore. Quest’ultimo metodo è probabilmente il metodo migliore: ciò che è necessario è solo un contenitore abbastanza grande da accogliere tutti gli esemplari. Riempite il contenitore con una composta a base di torba e disponetevi in modo armonico le piante. Controllate se vi soddisfa la disposizione adottata, quindi, quando avrete finito, annaffiate il tutto molto bene. Per un risultato migliore i contenitori devono essere di dimensioni adatte;  sceglieteli di terracotta e non di materia plastica: la terracotta, infatti, è porosa e permette all’umidità di giungere alle piante molto più facilmente.

Se volete fare degli accostamenti ideali seguite queste tre semplici regole “di gruppo” :

Gruppo eterogeneo : è bene disporre insieme piante con il medesimo ciclo vegetativo ed in contenitori dello stesso tipo; basta mettere per esempio i vasi dentro dei cesti. Disporre le piante in gruppo, ad altezze diverse, badando che quelle con in fiori formino un insieme armonico con le altre di sole foglie.

Gruppo in un solo contenitore: riempite un grande vaso con torba e sistematevi le piante senza toglierle dal loro vaso originale. Una maestosa Dieffenbachia può essere messa accanto ad un piccolo Ficus Radicans ad una grande Palma di San Pietro per ottenere un contrasto geometrico tra le foglie. Inserite anche una pianta fiorita per creare un vivace contrasto di colore nel mezzo.

Gruppo omogeneo: utilizzate piante della medesima specie messe in contenitori della medesima forma: otterrete così un gruppo veramente omogeneo. Si possono usare sia piante fiorite sia dalle belle foglie come le Felci.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.