Piante grasse, tutto ciò che c’è da sapere iniziando dal terreno più adatto

 
Roberta
19 gennaio 2010
1 commento

piante grasse

Cominciamo col dire che le piante comune­mente chiamate grasse in realtà non lo so­no affatto (esse contengono infatti la minor percentuale di grassi di tutte le specie che compongono il regno vegetale); più esatta­mente dovrebbero essere definite «succu­lente» a indicare la natura carnosa dei loro tessuti.

Questo gruppo di piante, che continueremo a chiamare «grasse» per comodità, com­prende numerose specie appartenenti a fa­miglie diverse, ma con una caratteristica in comune; sono tutte piante «xeròfite» ossia adatte a vivere in ambienti aridi e caldi, ric­chi di luce. La sopravvivenza di questi esem­plari è resa possibile dalia loro struttura «spugnosa» per mezzo della quale assorbono una grande quantità di acqua che rie­scono a conservare a lungo limitando la traspirazione. Infatti le foglie (scientificamente chiamate «cladodi» o «fillocladi»), cioè gli organi che permettono la traspirazione, nelle piante grasse hanno una superficie mol­to ridotta o, addirittura, sono trasformate in spine.

L’adatta composizione del terriccio è il pre­supposto indispensabile alla conservazione e allo sviluppo delle piante grasse; infatti, se esso comprende in dose esatta tutti gli ele­menti necessari, queste specie si sviluppano normalmente; inoltre, se la terra ha il giusto grado di permeabilità anche il dosaggio del­le annaffiature diviene meno problematico. In genere, per ottenere ottimi risultati, si consiglia di coltivare le piante grasse in un terreno composto di: 2/5 di terra d’erica stagionata e ben setac­ciata; 2/5 di sabbia di fiume accuratamente lavata; 1/5 di polvere di calcinaccio. Alla polvere di calcinaccio si può, eventual­mente, unire anche un po’ di polvere di carbone vegetale che serve ad evitare i fe­nomeni di fermentazione o il formarsi di muffe.

Sul fondo dei vasi o nelle buche di impianto è sempre bene porre uno strato di ghiaia mescolata a calcinacci, per favorire il de­flusso dell’acqua eccedente, che, se ristagnas­se, farebbe molto rapidamente marcire la pianta.

Nei climi molto caldi, (specialmente per le cactacee coltivate in piena terra), da giugno a settembre giova porre una pacciamatura di torba per rallentare il ritmo dell’evapora­zione e far sì che i tessuti delle piante man­tengano elasticità e turgore anche senza ri­cevere troppa acqua, cosa che in un primo tempo provoca sempre uno straordinario ri­goglio, ma in seguito può arrecare danni anche molto gravi.

Articoli Correlati
YARPP
Le piante grasse in appartamento

Le piante grasse in appartamento

Grazie alla grande variabilità di forme, colori e dimensioni le piante grasse trovano collocazione in ogni ambiente: casa, giardino, balcone e terrazzo. Naturalmente la scelta delle specie dovrà variare in […]

Le piante grasse

Le piante grasse

Per quanto diffuso il termine “pianta grassa” dal punto di vista botanico non è corretto. Il termine giusto per indicare le piante i cui tessuti si presentano carnosi è piante […]

Giardini rocciosi o rock garden, tutto ciò che c’è da sapere

Giardini rocciosi o rock garden, tutto ciò che c’è da sapere

Fra i lavori che tra Febbraio e Aprile possono gradevolmente occupare il tempo libero di quanti «lui» amano dedicarsi al giardinag­gio, due sono di notevole importanza ai fini dell’armonico disegno […]

Piante grasse, come nutrirle e moltiplicarle

Piante grasse, come nutrirle e moltiplicarle

Negli articoli di questi giorni abbianmo abbondantemente trattato l’argomento “piante grasse”, partendo dal terreno più adatto a loro, spiegando come annaffiarle, ed in fine come prendersene cura e quando effettuarne il […]

Piante grasse, scelta ideale anche per chi non ha il pollice…green

Piante grasse, scelta ideale anche per chi non ha il pollice…green

Le piante grasse sono caratterizzate da capacità di adattamento tali da riuscire a prosperare negli ambienti e nei climi più disparati: le troviamo infatti tanto nel caldo deserto africano quanto […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Amabilia

    Gentili Signori,
    io ho problemi di passaggio. Vorrei eliminare la superficie terrosa, rimpire con della ghiaia e, per abbellire, spargere i semi delle varie piante grasse adatte per lo scopo.
    Se seminate, sono lente a crescere?
    Viviamo nell’Oltre Po Pavese. Il terreno è troppo argilloso (anche per quello vorrei diminuire la superficie con della chiaia, sassi e fiorini RESISTENTI e PERENNI (le p. grasse hanno queste caratteristiche?
    Grazie della vostra attenzione
    Amy

    23 mag 2010, 14:06 Rispondi|Quota